Granfrutta Zani

Dopo oltre 40 anni di attività e di ragguardevoli traguardi raggiunti, Granfrutta Zani continua ad applicare quelle strategie e quella capacità di rinnovamento che l’hanno portata ad essere considerata una struttura solida, un partner affidabile tanto per il consumatore, che può avere certezze sulla qualità dei prodotti, quanto per il socio produttore, che ha così la garanzia di far parte di un azienda altamente professionale.

La Coop Granfrutta Zani ha acquisito nei vari anni un invidiabile esperienza nel settore ortofrutticolo nazionale ed internazionale e ciò le consente di mantenere costanti gli elevati standard richiesti dai consumatori, anche mediante l’utilizzo delle più moderne tecnologie di lavorazione e di una logistica accurata e funzionale.

La Cooperativa è costituita attualmente da oltre 600 soci dislocati in tutta Italia. Produttori di fragole, pere, kiwi, pesche, nettarine, susine, albicocche, mele, ma anche kaki, agrumi, meloni, cocomeri, ciliegie e verdura.

Nei due stabilimenti principali, quello di S.Andrea e Bagnacavallo, sono occupate circa 100 persone in maniera continuativa e più di mille ad impiego stagionale.

Il fatturato supera i 100 milioni di euro, con oltre 1 milione di quintali di prodotto venduto, di cui il 55% in Italia e il 45% all’estero (principalmente in Inghilterra, Germania, Scandinavia, Austria e Svizzera, fino ad arrivare ad Hong Kong, Taiwan, Singapore, Australia, Stati Uniti e paesi dell’Est Europa).

La Cooperativa acquista inoltre alcuni prodotti all’estero come le pere dall’Argentina, i kiwi e le mele dal Cile, le fragole dalla Spagna, con l’obiettivo di mettere a disposizione dei suoi clienti prodotti di qualità anche “fuori stagione”.

La O.P. Granfrutta Zani è commercialmente presente su tutti i principali mercati ortofrutticoli del mondo con un’organizzazione di vendita capillare in grado di soddisfare le moderne esigenze della G.D.O.

Chi Siamo

Guardando i risultati raggiunti, oggi possiamo con orgoglio e senza presunzione dire di essere diventati un organizzazione snella, affidabile, disponibile, dinamica, professionale e qualificata. Costantemente ricerchiamo nuove strategie, tecnologie e mezzi per poter offrire prodotti di alta qualità, garantendo la massima sicurezza lungo tutta la filiera, dal produttore al consumatore.

Granfrutta Zani è costituita attualmente da oltre 500 soci, dislocati in tutta Italia, produttori di fragole, pere, kiwi, pesche, nettarine, susine, albicocche, mele, kaki ma anche di cocomeri, agrumi e verdure. Inoltre integriamo l’offerta dei soci con altri prodotti come cavolo rapa, broccoli, uva attraverso partner italiani di fiducia e commercializziamo pere, mele e kiwi dall’emisfero Sud per rispondere alle esigenze di completezza d’assortimento richieste dalle moderne forme di distribuzione.

Nei due stabilimenti di lavorazione, sono occupate circa 90 persone fisse e più di 1000 ad impiego stagionale. Il fatturato supera i 100 milioni di euro, con oltre un milione di quintali di prodotto venduto alla G.D.O. nazionale ed internazionale, come Inghilterra, Germania, Scandinavia, Austria, Svizzera, Est Europa, ma anche Russia, Sud Africa e Brasile.

L’obiettivo è la soddisfazione del cliente sotto tutti i punti di vista, insieme alla giusta remunerazione per i nostri soci; perciò ogni giorno è finalizzato alla crescita e al miglioramento, non per diventare i più grandi, ma per essere i migliori.

Filiera corta ed efficienza gestionale sono imperativi per noi. Lo staff tecnico, insiemeall’ufficio qualità, sono un reparto efficiente e dotato di tecnologie di ultima generazione. Seguono le varie tecniche produttive, organizzano incontri con i soci, indicano le varietà migliori da impiantare, supportano professionalmente in ogni fase del ciclo produttivo ogni nostro prodotto.

Nulla viene lasciato al caso, perché è dal cuore della terra che nasce la qualità vera, qualità e salubrità certe garantite da un numero altissimo di analisi fatte da laboratori certificati. Lo staff commerciale ha come obiettivo la soddisfazione totale del cliente e l’apertura di nuovi mercati. Lavorando in sinergia con produzione, logistica e marketing, garantisce al cliente prodotti di alta qualità, secondo gli standard richiesti e adeguandosi alle richieste sempre più varie di un mercato globalizzato.

Ogni giorno tutti i reparti danno il meglio, per potere offrire domani qualcosa di più, quel di più che ci renda eccellenti e che vi fa scegliere noi come partner, che vi fa dire che la vostra scelta è stata davvero la scelta migliore.

Le radici dell’azienda


La data di inizio di questa storia, quella di Granfrutta Zani, risale a più di 50 anni fa. Esattamente al 1962, quando Luciano Zani, il fondatore dell’azienda, con un passato come rivenditore di auto, trasporta il suo primo camion di frutta al Mercato Ortofrutticolo di Milano. Sono gli anni del miracolo economico italiano, gli anni in cui tutto sembra più semplice, gli anni in cui un imprenditore con una solida idea alle spalle può raccogliere grandi frutti.
E così è stato per Granfrutta Zani: grazie all’aiuto dei fratelli e della moglie, in due anni Luciano riesce a trasformare una piccola azienda familiare con base in Romagna in una società operante a livello internazionale con quasi 20 addetti. Come è stato possibile raggiungere questo risultato? Luciano e la sua famiglia si appassionano alla frutticultura, scelgono con cura i prodotti locali e hanno in mente un modello imprenditoriale che si sposa perfettamente con la tradizione delle cooperative romagnole: viene costituita così, nel 1972, l’attuale cooperativa Granfrutta Zani, che oggi conta più di 500 soci in tutta Italia.

I primi frutti del successo

In quasi dieci anni l’azienda cresce enormemente: dal primo piccolo magazzino, un capannone di Granarolo Faentino, le attività si estendono ad altri due importanti magazzini; quelli di Filo di Alfonsine e Sant’Alberto di Ravenna. Cresce il volume dei prodotti da distribuire e crescono i volumi di affari: merito della costante ricerca e attenzione alla qualità dei prodotti, e delle geniali intuizioni del suo fondatore, che presto fanno di Granfrutta Zani un punto di riferimento del mercato.

Si arriva così agli anni ’90: un crocevia importante per Granfrutta Zani. L’azienda avvia la sua opera di modernizzazione e nel ’92 viene acquistato il primo stabilimento di Sant’Andrea di Faenza – che sarà ampliato ulteriormente dieci anni dopo – mentre nel ’95 tocca al nuovo stabilimento di Bagnacavallo. Nel 1996 Granfrutta Zani riceve l’importante riconoscimento di Organizzazione di Produttori: una certificazione che attesta la piena rispondenza dei propri prodotti e di tutti i sistemi produttivi alle più severe normative CEE. Trascorrono gli anni ma la qualità, in Granfrutta Zani, rimane uno dei valori più importanti.

Un’azienda matura e ancora pronta a crescere

Oggi siamo uno dei leader del settore più affermati: la nostra frutta viene prodotta e distribuita in tutta Italia e non solo.  I nostri prodotti sono ritirati, stoccati, lavorati e confezionati nei cinque stabilimenti situati in provincia di Ravenna: S. Andrea, Bagnacavallo, Granarolo Faentino, S.Alberto e Filo di Alfonsine, per una capacità di stoccaggio complessiva di oltre 130.000 metri cubi, di cui il 70% modernamente attrezzata per la lunga conservazione in atmosfera controllata. Inoltre la Coop Granfrutta Zani si avvale dell’ausilio di altri magazzini, usati come centri di ritiro, in Lazio, Campania, Basilicata e Puglia. Le prospettive per il futuro sembrano ottime, perché le radici dell’azienda piantate da Luciano Zani sono ben solide nel terreno della nostra Romagna.

I nostri stabilimenti oggi:

Sant’Andrea
Mq. 80.000 (26.000 al coperto)
Specializzazione:
lavorazione pesche, nettarine e kiwi per mercato estero.
Capacità frigorifera:
capacità totale Ton. 13.360
in atmosfera controllata Mc. 43.634
Tipologia di attività:
ricevimento, campionamento, frigo di conservazione, stoccaggio a temperatura controllata e/o temperatura ambiente, conservazione in atmosfera controllata, lavorazione, confezionamento, consegne ad altro stabilimento coop. Granfrutta ZANI, piattaforma distributiva per G.D. e G.D.O.
Bagnacavallo
Mq. 130.000 (25.000 al coperto)
Capacità frigorifera:
capacità totale Ton. 22.787
in atmosfera controllata Mc. 10.042
Tipologia di attività:
ricevimento, campionamento, frigo di conservazione, stoccaggio a temperatura controllata e/o temperatura ambiente, lavorazione, confezionamento, consegne ad altro stabilimento coop. Granfrutta ZANI, piattaforma distributiva per G.D. e G.D.O., analisi residuali su fitofarmaci.
Granarolo Faentino
Mq. 7.650 (4.500 al coperto)
Capacità frigorifera:
capacità totale Ton. 10.327
in atmosfera controllata Mc. 6.553
Tipologia di attività:
stoccaggio a temperatura controllata e/o temperatura ambiente, conservazione in atmosfera controllata, consegne ad altro stabilimento coop. Granfrutta ZANI.
Filo di Alfonsine
Mq. 12.200 (5.000 al coperto)
Capacità frigorifera:
in atmosfera controllata
Ton. 6.000, Mc. 6.553
Tipologia di attività:
ricevimento, campionamento, conservazione in armosfera controllata, consegne ad altro stabilimento coop. Granfrutta ZANI.
Sant’ Alberto
Mq. 16.338 (3.575 al coperto)
Capacità frigorifera:
capacità totale Ton. 3.000, Mc. 10.773
Tipologia di attività:
ricevimento, campionamento, frigo di conservazione, stoccaggio a temperatura condizionata e/o temperatura ambiente, conservazione in armosfera controllata, consegne ad altro stabilimento coop. Granfrutta ZANI.

 

Luciano ZaniAneddoti dal fondatore

Tutto è iniziato con cinquemila lire. Quelle che Luciano Zani chiese in prestito al fratello Pietro per acquistare un camion a Bologna. Era il ’58.

“Prima per otto anni ho fatto il camionista come autista -racconta- poi per due anni in proprio. Successivamente nel ’60 mi misi a vendere auto usate”

Un piccolo autosalone?

“Macchè, allora era tutto più semplice, quando volevi fare una cosa la facevi; persino l’assicurazione era un optional. Andavo davanti ai bar, nei circoli, nei negozi, “si vendeva così”. 500, 600, le 1100 coda di rondine… In un anno e mezzo ne ho vendute 158. È stata una bella esperienza”.

Dalle auto alla frutta fu quasi un’attrazione fatale. “Vedevo i magazzini con la frutta, mi sembravano così belli. Nel ’61 portai i primi due camion ai mercati generali di Milano. Nella primavera del ’62 affittai una cella frigorifera a Faenza e comprai delle cassette di legno usate vendendo le ultime macchine”. In poco tempo si creò una struttura aziendale familiare, con il fratello maggiore Pietro che teneva i rapporti con la campagna, il minore Italo a dirigere le vendite, e il mezzano Luciano a coordinare il tutto con sua moglie Antonietta impiegata in magazzino.

La frutta era merce preziosa: “anche allora c’erano le crisi, ma ad esempio un chilo di Cardinal (varietà di pesche gialle) costava 125 lire e un operaio si pagava 118 lire all’ora”.

Il primo magazzino?

“In un capannino sterrato di un carradore di Granarolo. Per due anni facemmo tutto a mano: caricare, scaricare, confezionare, portare in stazione. C’era la lotta per prendere i vagoni, se arrivavi tardi dovevi tornare il giorno dopo”.

C’erano tanti piccoli commercianti e metodi discutibili – a volte – verso gli agricoltori?

“Sì è vero, c’era anche chi, quando il mercato calava non portava le cassette ai contadini e così le pesche marcivano nel campo. E in mezzo c’erano i mediatori… Io per trovare la clientela senza pestare i piedi a nessuno cominciai da quelli che avevano preso la grandine e non trovavano da vendere; dopo qualche anno il mercato lo facevo io”.

Ad esempio?

“Andavo a vedere nel campo e facevo il prezzo. Gli agricoltori si fidavano. Quando c’era un problema lo affrontavo. Sono sempre stato convinto che la collaborazione e la discussione sincera siano i metodi migliori”.

La Granfrutta Zani nel ’64 posa la prima pietra del primo magazzino a Granarolo…

“Dopo poco costruimmo le prime due celle frigorifere, avevamo 17-18 operai e nel nuovo impianto già erano diventati un centinaio; lo stesso anno cominciammo anche con l’export in Svizzera, Austria, Germania”.

L’azienda Zani fu tra le prime a guardare oltre zona non solo per vendere, ma anche per comprare…

“Abbiamo iniziato nel ’66 a integrare le produzioni locali con quelle più precoci e tardive del Sud. Vedevo quelle pere e mele e pensavo: ‘e se le porto a Milano? In Romagna si finiva la campagna a Ferragosto, la mia idea era che occorresse lavorare quel di più che poteva fare la differenza”.

Abilità, coraggio, spregiudicatezza, fortuna… Qual è il segreto del suo successo?

“La fortuna c’entra sempre, ma passa a casa di tutti, bisogna prenderla. Imprenditori si diventa, giorno per giorno. La qualità che mi sento di avere di più? La correttezza”.

 

Foto storiche

img002 img004 img005 img006 img007 img012 img016 img017 img018 img019 img020 img021 img022 img023 img024 img025 img026 img027 img028 img029 img030 img031 img032 img033 img034 img035 img036 img037 img038 img039 img040 img041 img042 img043 img044 img045 img046 img047 img048 img049 img050 img051 img052 img053 img054 img055 img056 img057 Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 11  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 10  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 9  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 8  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 7  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 6  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 5  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 4  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 3  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 2  Zani - distribuzione frutta per grande distribuzione 1  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 8  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 7  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 6  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 5  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 4  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 3  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 2  Zani - produzione frutta per grande distribuzione 1  Zani - produzione frutta per grande distribuzione